Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui a fianco, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Quattro idee in libertà

Siamo quello che compriamo o compriamo quello che siamo? L’ultimo romanzo di Chiara Gamberale, giovane scrittrice romana venuta alla ribalta con il racconto della sua anoressia in “Una vita sottile”, è uno spaccato ironico ma mai scontato della dinamica dei rapporti della nostra società.

Siamo quello che compriamo o compriamo quello che siamo?
L’ultimo romanzo di Chiara Gamberale, giovane scrittrice romana venuta alla ribalta con il racconto della sua anoressia in “Una vita sottile”, è uno spaccato ironico ma mai scontato della dinamica dei rapporti della nostra società. L’originalità di una narrazione leggera e impegnata, si coglie già nell’incipit di ogni capitolo, che alterna l’elenco della spesa che le due protagoniste mettono ogni giorno nel carrello del supermercato. “Dimmi cosa compri e ti dirò chi sei”, sembrano pensare Erica (madre di famiglia e moglie fedele) e Tea (attrice protagonista di una nota soap opera televisiva), che nello spiarsi tra le file degli scaffali si invidiano a vicenda all’insaputa l’una dell’altra. Fino al colpo di scena finale.
Chiara Gamberale, “Quattro etti d’amore, grazie” (Mondadori 2013, pp. 242, euro 17)

Se le tue lacrime hanno il gusto di fragola, dillo a qualcuno!
Il primo libro del dj e autore televisivo Nicola Savino nasce da una fiaba inventata per far addormentare la figlia Matilda. La piccola Chiara viene presa in giro dai suoi compagni perché porta gli occhiali, ma il vero problema è che quando si mette a piangere le sue lacrime hanno il gusto di fragola, cosa che spinge Asdrubale & C. a farla piangere ancora di più. Un giorno Chiara ne parla alla mamma, che, grazie all’intervento di una fatina, fa sì che le sue lacrime puzzino di pupù. Trucco a parte, il racconto si porta dietro un messaggio importante: quando hai un problema, parlane con qualcuno, vedrai che come per magia tutto diventerà più semplice. Per i bambini sopra i 4 anni. I profitti sono destinati all’associazione Airett.
Nicola Savino e Marta Monelli, “Lacrime di fragola” (Add 2013, pp. 148, euro 12,90)


Lo Tsunami del 2004 nel racconto di una famiglia sopravvissuta
Quando l’impossibile diventa possibile. Se siamo abituati ad andare al cinema per evadere dalla realtà, l’ultimo film del regista spagnolo Bayona ci riporta prepotentemente alla vita reale, fino a farci letteralmente affogare. Il racconto dello Tsunami che ha colpito nel 2004 l’oceano Indiano, infatti, viene fatto attraverso la storia vera ed intima di una famiglia spagnola (che nel film diventa americana, unica concessione alla fiction) che durante il cataclisma a cui è sopravvissuta si trovava in vacanza in Thailandia. A differenza di tanti film catastrofici, in cui alla fine si tira un sospiro di sollievo pensando che si tratti di fatti inventati, la storia di Henry, Maria e dei loro tre figli restituisce il senso di un disastro che nessun telegiornale era riuscito a offrire.
“The impossible” (EaglePictures 2012)

Alex Britti suona e canta un inno all’ottimismo per l’Italia
A quattro anni di distanza dal suo ultimo album, Alex Britti riappare sulle scene con un nuovo disco: “Bene così”. Intimità, semplicità e purezza: queste le parole che descrivono meglio il lavoro del cantautore romano. Negli inediti contenuti nel cd, Britti sperimenta sonorità rock, ma senza mai eccedere, rimanendo fedele al suo inconfondibile stile. I principali temi affrontati sono l’amore e l’Italia di oggi, con tutti i suoi problemi. “Baciami (e portami a ballare)”, singolo di lancio dell’album, è un inno all’ottimismo, che, secondo l’artista, è il modo migliore per affrontare le difficoltà quotidiane. Presenti nel disco anche due pezzi strumentali dedicati a tutti gli appassionati della chitarra.
Alex Britti, “Bene così” (It.Pop 2013)

Famiglia e dintorni

Cerca un articolo per parola chiave, premi poi su cerca.

Effettua il Log-in al sito

 

 



Iscriversi è semplice e veloce e potrai sempre essere aggiornato sulle promozioni e sulle ultime novità.