Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui a fianco, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Quando la pelle ha sete

Dorata e splendente all’esterno, appena sotto la superficie la pelle risulta inaridita e stressata. Ecco tutto ciò che bisogna fare per rimetterla a nuovo

Radiosi, abbronzati, tonici e rilassati. Appena tornati dalle ferie ci si sente in gran forma e, almeno all’apparenza, si è davvero splendenti. Peccato che appena sotto a quel velo dorato si nascondano tutti i danni causati da sole & Co.

 

FATEVI UN PEELING

“Se ancora non vi siete decisi a disfarvi degli ultimi brandelli di abbronzatura è ora di farlo: l’ideale in questo periodo è il classico scrub” spiega Rossella Ramaroli dello Studio di Estetica jeunesse. “Fatelo almeno tre volte la settimana e pulendo la pelle a fondo ogni giorno. Niente paura, se avete ancora un discreto colore lo scrub non lo eliminerà ma lo farà risplendere a nuovo. Magari perderete una tonalità, ma in cambio ne ricaverete una pelle più luminosa e compatta e un’aria più sana e... pulita. Però se non volete tornare al consueto pallore, privilegiate prodotti ad azione meccanica, come i detergenti con particelle esfolianti, ovvero con microgranuli, oppure le formule che aderiscono alla pelle e seccando formano una pellicola che poi si stacca insieme alle cellule morte superficiali. I trattamenti a base di alfaidrossiacidi, acido glicolico e acido cogico, che hanno effetto schiarente e, loro sì, rischiano di far impallidire anche l’abbronzatura più profonda, usateli solo se il vostro problema sono le macchie da sole. Un bello scrub, ovviamente, è un toccasana anche per il corpo. L’inspessimento dello strato cheratinizzato si manifesta in tutte le zone del corpo che hanno preso il sole, non solo sul viso, e, anzi, sul corpo i processi di desquamazione sono anche più lenti.

 

DAR DA BERE AGLI ASSETATI

“Non solo il sole e il mare, anche il semplice calore ha l’effetto di inaridire la pelle, privandola della riserva d’acqua necessaria” spiega ancora Rossella Ramaroli. “Eliminare le cellule morte, quindi non basta, è importante attuare una strategia reidratante, a base di prodotti ricchi di collagene, elastina e vitamine antiossidanti da applicare ogni sera e, possibilmente, una maschera ad azione profonda almeno quattro-cinque volte al mese per tutto settembre”.    

 

METTITI UNA CURA IN TESTA

Se la pelle risente del sole, i capelli non sono certo da meno.“I radicali liberi prodotti in reazione ai raggi solari arrivano fino al midollo, danneggiando squame e cuticola del fusto” spiega Antonio Righi dell’omonimo salone di via Monte Napoleone a Milano. “In più salsedine, cloro e lo stesso sudore modificano la cheratina e degradano la melanina. Non a caso dopo l’estate i capelli risultano opachi, sfibrati, disidratati. A settembre, quindi, passate a un prodotto specifico per capelli secchi. Prendete poi l’abitudine di applicare una maschera ristrutturante due o tre volte la settimana. Procedete così: la prima maschera l’applicherete su capelli e cuoio capelluto, la successiva solo sulle lunghezze, la terza, riservata a chi ha capelli lunghi e molto rovinati, va messa solo sulle punte”.   

 

COLORE SEMPRE VIVO

Se siete fissati dell’abbronzatura, vederla sbiadire è un piccolo shock in più che si aggiunge ai classici disagi da rientro. Inutile cercare di mantenersi attaccata addoso la pelle in via di desquamazione con frequenti applicazioni di idratanti, meglio rinnovare il colore con qualche lampada, ma senza esagerare: non ne andrebbero fatte più di due al mese e non più di dodici l’anno. L’alternativa sono i preparati autoabbronzanti che oggi offrono effetti estremamente naturali e sono diventati molto semplici da applicare, anche grazie a formulazioni leggermente colorate che consentono di “vedere” immediatamente l’effetto che si avrà una volta sviluppata la reazione che porta al cambiamento di colore delle proteine presenti nello strato corneo. E in più non hanno controindicazioni.    

 

ANCHE PER LUI    

L’epidermide maschile è più spessa e più ricca di cellule sebacee di quella femminile, per questo risente meno dei danni ossidativi e resiste meglio agli insulti del tempo. Ciò non di meno, anche la pelle degli uomini risente della disidratazione, soprattutto per chi si rade tutti i giorni aggiungendo stress a stress e ha l’abitudine di lavare il viso col sapone. Quindi, almeno dopo l’estate, procuratevi un prodotto idratante, ricco di vitamine, minerali e oli essenziali.

Cura di sè

Cerca un articolo per parola chiave, premi poi su cerca.

Effettua il Log-in al sito

 

 



Iscriversi è semplice e veloce e potrai sempre essere aggiornato sulle promozioni e sulle ultime novità.