Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui a fianco, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Un pieno di colore

Dal verde all’arancio: i malanni di stagione si vincono anche mangiando a tinte forti

CARNOSI E CROCCANTI

Gli spinaci sono tra le verdure che meglio sopportano il surgelamento. Bollitura: in abbondante acqua salata bollente, calcolando 5-10 minuti dalla ripresa del bollore, in base ai gusti. Fermare la cottura in acqua fredda. Stufati: mondati e lavati vanno scolati sommariamente e messi in padella, cuociono incoperchiati, in 3-5 minuti. In entrambi i casi vanno poi strizzati

 

La ricetta: TORTA CAPPUCCIA SPINACI E SALSICCIA

ingredienti: 1 confezione di pasta brisée; 1/2 cipolla; 3 uova; burro; 300 g di spinaci già cotti e strizzati; 2 salsicce sgranate; 500 g di ricotta; 2 cucchiai di parmigiano grattato.   

 

Tritate la cipolla e fatela soffriggere con una noce di burro in una padella capace, quando è appassita, unite la salsiccia e fate rosolare. Aggiungete infine gli spinaci e fate cuocere mescolando finché il composto risulterà asciutto. Trasferitelo in una ciotola, lasciate intiepidire, quindi incorporate la ricotta, le uova, il parmigiano e salate a piacere. Disponete la pasta nella teglia infarinata, buchettate il fondo e riempite col composto alla ricotta. Ripiegate il bordo della pasta verso l’interno e cuocete in forno a 200 °C per 40’.    

 

UNO SCRIGNO DI SAPORE

Il carciofo ha raccolta scalare: a partire da ottobre fino a primavera inoltrata siamo quindi nel pieno della sua stagione. Quale che sia il tipo, spinoso o non spinoso, si eliminano le punte e le foglie (brattee) più esterne, fino ad arrivare a quelle che sono per 2/3 della lunghezza tenere e chiare per il consumo cotto e a quelle interamente chiare per il consumo a crudo. I carciofi giovani, di dimensioni relativamente piccole e dalle foglie compatte ed elastiche possono essere cucinati interi, gli altri vanno aperti per eliminare la barba (o fieno). Appena tagliati vanno immersi in  acqua acidulata per evitare che anneriscano e molti usano mettere succo di limone anche nell’acqua di cottura. 

 

La ricetta: CARCIOFI AL FORNO

ingredienti: 8 carciofi spinosi; 1 limone; prezzemolo; 1 spicchio d’aglio; 3 acciughe dissalate; pangrattato; olio extravergine; pinoli; 1 dl di vino bianco; sale e pepe.

Eliminate le foglie esterne e la punta dei carciofi, tagliate i gambi che terrete da parte, e rifinite la base. Immergete man mano i carciofi in acqua acidulata. Preparate un trito con aglio, acciughe, prezzemolo, impastate con olio, pangrattato e pinoli fino a ottenere un quantitativo sufficiente a farcire i carciofi. Scolate i carciofi, asciugateli, batteteli su un piano a testa in giù, eliminate il fieno con uno scavino e farciteli. Disponeteli quindi in una pirofila a testa in su, bagnateli con il vino e 1/2 bicchiere d’olio e cuocete in forno a 180 °C per 30’ circa.  

 

SUCCOSE DELIZIE

Le arance presentano diverse varietà che consentono una prolungata disponibilità. Di questo periodo sono specifiche, tra le sanguigne, il Sanguinello che si unisce alle varietà Tarocco e Moro già disponibili in autunno. Le bionde hanno maturazione più tardiva, quelle che si trovano ora sono Washington Navels. In cucina si utilizzano in infinite preparazioni dolci e salate.  

 

SOUFFLÉ ALL’ARANCIA

ingredienti: Soufflé: 90 g di zucchero; 2 uova; 1 arancia; 1 cucchiaio di fecola; 1 cucchiaino di zucchero a velo. Zabaione: 4 tuorli; liquore all’arancio; 1 arancia; 80 g di zucchero; sale. Imburrate e inzuccherate uno stampo da soufflé o 4 cocottine.

 

Pelate l’arancia al vivo, frullatela nel mixer e passatela al colino. Lavorate a lungo i tuorli e lo zucchero. Unite la fecola e il succo d’arancia. Montate gli albumi con un pizzico di sale lasciandoli cremosi e incorporatevi lo zucchero a velo. Mescolate molto delicatamente gli albumi al composto base, versate nello stampo e infornate a 190 °C per 20’ lo stampo grande o per 10’ le cocottine. Per lo zabaione, montate i tuorli con lo zucchero, unite 2 mezzi gusci di liquore e 2 di succo d’arancia, mettete sul fuoco a bagnomaria e fate montare frullando.   

 

DA PROVARE

LE MELE SELEX

Con il marchio I prodotti della natura, Selex presidia il segmento della filiera di qualità controllata. Tra questi, le mele della Val Venosta nelle varietà Golden Delicious, Stark Delicious e Royal Gala. Tutte disponibili nel tuo supermercato di fiducia nel sacchetto da 2 kg e nella cassetta da 6-7 kg. Le mele Selex sono coltivate con i metodi della produzione integrata in una delle zone più vocate, la Val Venosta, in Alto Adige.

Mangiare bene

Cerca un articolo per parola chiave, premi poi su cerca.

Effettua il Log-in al sito

 

 



Iscriversi è semplice e veloce e potrai sempre essere aggiornato sulle promozioni e sulle ultime novità.