Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui a fianco, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Oltre il profumo

Nella scelta di bagno e docciaschiuma ci si affida ai propri sensi, orientandosi verso formulazioni piacevoli. Tutto bene, ma solo se i prodotti rispettano la pelle e se li si usa nel modo giusto

Prendere il bagno o il docciaschiuma dallo scaffale è un gesto quasi automatico, che si fa senza pensarci troppo su, ma un prodotto di igiene per il corpo deve avere caratteristiche ben precise, specialmente per chi ha una pelle sensibile e irritabile. In tutti i casi la scelta deve orientarsi verso detergenti che offrano un ph corretto e formule in grado di rispettare l’equilibrio cutaneo.  

 

ADDIO VECCHIO SAPONE

Nonostante nell’uso comune si continui a parlare di saponi e saponi liquidi, i detergenti si sono evoluti negli anni e quelli che utilizziamo oggi sono ben diversi dai saponi propriamente detti usati dalle nostre nonne. Senza entrare nella chimica dei diversi prodotti basti dire che i detergenti attuali, a base di tensioattivi di varia natura, sono meno aggressivi.

 

RISPETTARE LA PELLE

Quando si acquista un bagnoschiuma o un docciaschiuma bisogna ricordare che la pelle svolge una funzione di barriera che difende il corpo dalle aggressioni esterne, e il velo di sebo frammisto a sudore che lo ricopre ha un ruolo fondamentale in questo compito. La pulizia deve quindi essere scrupolosa e frequente ma non troppo aggressiva, per non alterare i delicati equilibri della pelle. Inoltre, chi fa il bagno, dovrebbe prendere l’abitudine di risciacquarsi bene prima di uscire dalla vasca per eliminare i residui.

 

OCCHIO AD ALLERGIE E AGGRESSIONI

Per chi ha pelle sensibile e disidratata o facile alle allergie, la scelta non deve ricadere su prodotti troppo schiumogeni che potrebbero indicare un’eccessiva concentrazione di tensioattivi. Anche la profumazione non deve essere troppo forte perché gli elementi utilizzati per ottenerla sono tra quelli più facilmente responsabili di creare allergie. Va controllata in particolare la presenza di sali di alluminio e zirconio dagli effetti antitraspiranti, perché un’eccessiva inibizione della sudorazione può impedire la corretta eliminazione di tossine attraverso la cute, e la presenza di triclosan, triclocarban, clorexidina o cetrimonio cloruro dagli effetti battericidi perché i batteri soprofiti che ricoprono la nostra pelle hanno una funzione protettiva ed eliminandoli, oltre a ottenere un effetto deodorante, si indeboliscono le difese della cute. Va da sé che i prodotti in commercio sono testati e studiati per non essere troppo aggressivi, i problemi quindi si presentano solo per pelli particolarmente delicate o in caso di uso troppo frequente.  

 

SALI E OLI

L’alternativa al bagno schiuma sono gli oli da bagno, non schiumogeni e di solito più delicati, che agiscono per affinità, cioè non sciolgono il sebo ma vi si uniscono consentendo di asportarne l’eccesso. Anche i sali da bagno offrono una soluzione alternativa estremamente interessante: sono infatti in grado di apportare alla pelle minerali dalle diverse proprietà. Con effetti tonificanti, rilassanti e curativi (cellulite, cattiva circolazione periferica, dermatiti, pelle grassa, irritazioni).

Cura di sè

Cerca un articolo per parola chiave, premi poi su cerca.

Effettua il Log-in al sito

 

 



Iscriversi è semplice e veloce e potrai sempre essere aggiornato sulle promozioni e sulle ultime novità.