Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui a fianco, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Amore, ci si sta allargando il ragazzo

Per il piccolo con taglia extralarge, nessuna dieta “da fame” ma un cambiamento dello stile di vita, con più movimento e meno televisione, più cibi sani e meno grassi

Un esercito di cicciottelli sta invadendo il nostro Paese: dall’ultimo studio dell’Inran (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e la Nutrizione di Roma), i bambini italiani risultano i più paffuti d’Europa, con il 24% in sovrappeso e l’11% obeso. Ma non sempre “grasso è bello”: se l’eccesso di chili si trascina negli anni, possono manifestarsi problemi di salute. Un obeso corre cinque volte di più il rischio di ipertensione, diabete e patologie cardiovascolari. 

 

I COLPEVOLI DEL GRASSO NELL’INFANZIA

Il sovrappeso di un bimbo è in parte programmato dai geni avuti in dote dai genitori e in parte generato da iperalimentazione. Solo raramente è dovuto a una malattia, come l’ipotiroidismo.

• La predisposizione familiare: con un genitore obeso, il bambino ha il 40% di probabilità di diventarlo anche lui; il rischio sale all’80% se padre e madre sono entrambi grassi e scende al 10% quando i genitori sono normopesi.

• Il consumo energetico: il corpo deve rifornirsi di energia, sotto forma di cibo. Se si ricevono più calorie di quelle che si consumano, l’organismo le immagazzina come grasso “di riserva”.

• Lo stile di vita sbagliato: le ore passate davanti al computer e al televisore,spostarsi sempre con mezzi di trasporto e la scarsa ricreazione all’aria aperta.

• Gli errori alimentari: Menu monotoni. Prima colazione scarsa o assente. Cibi grassi e a elevata densità energetica. Alimenti raffinati (con poche fibre). Frutta e verdura in quantità minima o nulla. 

 

LA DIETA ANTIOBESITÀ

1. Colazione: 1 bicchiere (250 ml) di latte con zucchero (10 g = 2 cucchiaini); 3 fette biscottate (30 g); 2-3 cucchiaini (10-15 g) di miele o marmellata oppure gelatina di frutta un velo di burro (5 g) In alternativa: latte con cacao e zucchero e biscotti secchi (30 g) oppure latte zuccherato e 3 cucchiai di corn flakes (50 g)

2. Pranzo: 50 g di riso oppure pasta; 80/110 g di carne o pesce; un panino (30-50 g); verdura e frutta (a piacere) o, in alternativa, un frullato di frutta oppure un centrifugato misto o frutta fresca (a piacere).

3. Cena: 50 g di polenta oppure orzo; 30/40 g di formaggi (non più di 2 volte alla settimana) oppure un uovo (non più di 2 alla settimana) oppure 80/110 g di carne o pesce; un panino (30-50 g); verdura e frutta (a piacere).

 

MERENDA: CROCE E DELIZIA  

 

L’Inran (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) ha realizzato il “Merendometro”, con il Decalogo, che insegna a fare merenda in modo corretto. Ecco le 10 regole:

1) Un’alimentazione equilibrata richiede 5 pasti al giorno.

2) Gli spuntini di metà mattina e al pomeriggio non vanno saltati,mentre è sbagliato mangiucchiare di continuo.

3) La merenda è un piccolo pasto, per cui deve fornire il 5-7% dell’energia giornaliera.

4) Chi non è in sovrappeso può permettersi uno spuntino più ricco,ma solo dopo un’attività sportiva.

5) La merenda non deve saziare troppo né lasciare affamati e va fatta a distanza di due ore dai pasti principali.

6) Per variare i nutrienti, bisogna cambiare spesso il tipo di merenda.

7) Per regolarsi, anche nelle quantità, leggere l’etichetta nutrizionale dei prodotti confezionati che in media apportano da 120 a 200 calorie a porzione.

8) La merenda non va consumata mentre si studia o davanti al televisore.

9) Per “meritarsela” e mantenersi in forma,è necessario fare più movimento possibile.

10) Con le tabelle del “Merendometro”, è facile verificare il peso del bambino e, nel caso, correre ai ripari (http://www.inran.it/servizi_scuole/merendometro).


Famiglia e dintorni

Cerca un articolo per parola chiave, premi poi su cerca.

Effettua il Log-in al sito

 

 



Iscriversi è semplice e veloce e potrai sempre essere aggiornato sulle promozioni e sulle ultime novità.