Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui a fianco, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

La costa del Vesuvio offre la possibilità di fare un viaggio incredibile nel tempo, tra Ercolano e Pompei. E a pochi chilometri da Napoli, con il suo fascino che per Natale si accendo di eventi

Un susseguirsi di paesaggi e bellezze architettoniche, con straordinari siti archeologici: la costa del Vesuvio è uno scrigno di tesori. Da Napoli, percorrendo la strada del Miglio d’Oro, si arriva a Ercolano, l’ingresso al Parco Nazionale del Vesuvio: un’area attraversata da una rete di sentieri che permettono di ammirare il panorama mozzafiato sul Golfo di Napoli e scoprire suggestive colate laviche. I sentieri si possono percorrere da soli, mentre per raggiungere il cratere del vulcano ci si affida a guide esperte. Lungo il percorso al cratere, si incontrano grandi sculture in pietra lavica, un raro esempio di museo d’arte realizzato su un vulcano (www.creatorvesevo.it).

Da visitare anche gli scavi di Ercolano, una delle due città sepolte dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Gli scavi iniziarono già nel ’700, ma la loro fama fu presto soppiantata da quelli di Pompei, distante meno di 20 chilometri. La città  è meta ogni anno di circa 4 milioni di pellegrini che si recano al celebre Santuario della Madonna del Rosario. Più o meno lo stesso numero di persone che visitano la zona archeologica: con i suoi 44 ettari di area scavata, il sito di Pompei è l’unico al mondo che ci mostra l’immagine di una città romana nella sua interezza, con botteghe, ville e  terme che furono seppellite dai 6 metri di cenere, pomici e lapilli causati dall’eruzione del Vesuvio, e proprio per questo si sono conservate nei secoli.

Tra le tante strutture, le più visitate sono le Terme, costruite su una terrazza verso il mare, con ambienti sontuosamente decorati; la monumentale Basilica, dove si discutevano gli affari; la Villa dei Misteri, che conserva un bellissimo affresco su fondo rosso; la Casa del Fauno, lussuosa e vasta villa; i templi di Apollo e di Giove; la Villa di Diomede, i cui bei dipinti sono conservati al Museo Nazionale di Napoli; la casa degli Amorini Dorati, così chiamata per via delle decorazioni che ornavano uno degli ambienti. Infine, uno degli edifici pompeiani più conosciuti è il Lupanare (termine che deriva da lupa, che in latino significa prostituta), completamente restaurato 5 anni fa, con pareti interamente ricoperte da pitture erotiche.

La scoperta di Pompei può continuare a Napoli, con una visita al Museo Archeologico Nazionale, che conserva i reperti sia di Pompei, sia di Ercolano rinvenuti dal ’700 a oggi: statue in bronzo e in marmo, splendidi mosaici, affreschi, preziose collezioni di argenti, così come utensili di uso comune provenienti dalle città vesuviane. Se poi si sceglie come periodo di viaggio dicembre, già dall’8, giorno dell’Immacolata, la città si prepara a festeggiare il Natale, qui molto sentito, con mercatini, concerti e, soprattutto, i suoi famosi presepi. Ma Napoli riserva altre sorprese, in particolare per i golosi: dall’8 all’11 dicembre ospita alla Mostra d’Oltremare la terza edizione di Showcolate, la lunga maratona dedicata al cioccolato, con grandi pasticcieri e maestri artigiani italiani e stranieri che espongono una vasta offerta di leccornie: dai gianduiotti piemontesi alle praline emiliane, dagli zuccotti molisani al torrone sardo, dai cioccolatini al liquore tipici del Veneto a quelli pugliesi con crema di nocciola, dalle tavolette speziate alla cannella di tradizione siciliana ai fichi calabresi ricoperti al cacao, senza dimenticare le dolci specialità della Campania e di Napoli in particolare.

Inoltre, i maestri artigiani realizzeranno divertenti sculture in cioccolato di diverse forme. Durante i giorni di fiera, si conclude a Napoli la golosa tournée dello scultore Andrea Gaspari che, per la celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, ha realizzato una scultura con 14 tonnellate di cioccolato, che rappresenta l’intera penisola e i suoi principali monumenti (info: www.showcolate.it).

Famiglia e dintorni

Cerca un articolo per parola chiave, premi poi su cerca.

Effettua il Log-in al sito

 

 



Iscriversi è semplice e veloce e potrai sempre essere aggiornato sulle promozioni e sulle ultime novità.