Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui a fianco, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Alle terme caldi bagni di salute

Anche in inverno l’Italia eccelle per l’offerta di relax e svago all’insegna del benessere

Il solo pensiero di immergersi in una piscina esterna di acqua calda quando a bordo vasca fanno bella mostra mucchietti di neve, ai più può sembrare un po’ troppo audace ma se decidete di provare questa particolare immersione, dopo un primo impatto “da brividi”, l’effetto generato sul vostro organismo sarà di assoluto piacere.

Un passatempo dal piacere antico
Note fin dai tempi dei Greci, furono i Romani a diffondere nelle città dell’impero l’usanza di edificare strutture dove effettuare abluzioni in acqua calda, arricchendo via via questi luoghi con palestre, parchi, piccoli teatri e locande, così da dar origine a veri e propri centri polifunzionali. Mirabile esempio architettonico, tutt’ora visitabile, è rappresentato dalle terme di Caracalla a Roma (costo 6 euro - Info allo 06/39967700).

Una forma di turismo per tutte le età
Nell’ultimo decennio l’idea che un periodo alle terme fosse una vacanza da terza età o solo per chi avesse problemi fisici è andata mutando. Una ricerca del Censis dimostra, infatti, che il 41% di chi ha scelto una volta nel corso dell’anno un soggiorno in uno stabilimento termale ha tra i 18 e 30 anni d’età. Un’esperienza sempre più apprezzata e diventata una forma di turismo a tutti gli effetti, grazie anche ad un ventaglio di attività collaterali (nordic walking, escursioni in bici e serate di intrattenimento all’interno degli stabilimenti).

Ad ogni acqua la sua proprietà curativa
In Italia ogni regione possiede almeno uno stabilimento termale. Ma c’è acqua e acqua perché a variare sono anzitutto classificazione e proprietà curative. Così si possono trovare fonti bicarbonato-carboniche, particolarmente adatte per chi soffre di disturbi dell’apparato digerente, del sistema cardiovascolare e di quello respiratorio (Chianciano - Siena, Agnano - Pisa - e Recoaro Terme  - Vicenza). Contro i problemi dell’apparato respiratorio e per rafforzare il sistema immunitario, invece, sono indicate le acque bicarbonato-calciche (Casciana - Pisa - e Castellamare di Stabia - Napoli), mentre se si desidera stimolare la circolazione arteriosa sono preferibili fonti clorurosodiche, amiche dell’intestino e valide se affiancate a diete dimagranti o un periodo post convalescenza (Montecatini - Pistoia, Ischia - Napoli e Miradolo - Pavia). Nei noti centri di Pré-Saint-Didier (Aosta), Vinadio e Lurisia (Cuneo) e Montegrotto (Padova), poi, sgorga acqua radioattiva, ideale per aiutare la diuresi e depurare l’organismo. E ancora, a Salsomaggiore (Parma), Termini Imerese (Palermo) Monticelli (Parma) troviamo fonti salmobromoiodiche per chi ha disturbi osteoarticolari, ginecologici e della pelle, mentre le terme di San Giuliano (Pisa) e di Angolo (Brescia), grazie all’azione di acque solfato, alcalino-terrose, sono un vero toccasana per chi soffre di problemi respiratori, cattiva circolazione e stress. A chiudere, le fonti di Acireale (Catania), Saturnia (Grosseto) e Valdieri (Cuneo) dispongono di acque sulfuree adatte per curare malattie della pelle e osteoporosi.

Fangoterapia per curare l’artrosi
In inverno si accentuano mal di schiena e dolori articolari, sintomi principali dell’artrosi. Ecco allora che le terme possono aiutare. “A fianco dei farmaci e della fisioterapia, i fanghi e i bagni termali rappresentano una scelta efficace nel controllo del dolore, nel rallentamento della malattia e nel miglioramento della funzionalità motoria”, spiega Valerio Boschi, direttore sanitario delle Terme di Sirmione. E importanti conferme, in questo senso, giungono dal Centro Studi di Abano Terme: “I disturbi osteoarticolari, come il mal di schiena, sono tra i più diffusi - afferma Simona Bellometti, direttore scientifico del Centro. I fanghi e i bagni termali apportano dei benefici poiché affiancati ai tradizionali antinfiammatori danno risultati più duraturi”.

La tua rivista ti porta alle terme
Fino al 23 dicembre i titolari di carta fedeltà potranno recarsi alle terme di Monticelli (PR) per un soggiorno a un prezzo davvero esclusivo. Ecco i termini dell’offerta valida per 2 persone: 1 notte in mezza pensione con cena a lume di candela e aperitivo al ristorante del Best Western Hotel delle Rose (4 stelle), compreso accesso a piscine termali, sauna, bagno turco e palestra, il tutto a 120 euro (35% di sconto rispetto al prezzo base). Per beneficiare della promozione è necessario telefonare al n° 0521/657425, inviare un fax allo 0521/658245 o scrivere a info@rosehotel.it, citando il nome di questa rivista.

Spa o Beauty Farm? Questo è il dilemma
Quando si parla di Spa e Beauty Farm si fa riferimento a due strutture diverse tra loro. La Spa (per alcuni dal nome della cittadina belga rinomata per le sue acque minerali e per altri acronimo dal latino “Salus Per Aquam” ossia “salute per mezzo dell’acqua”) è un centro benessere che associa terapie a base di acqua termale o marina (bagni terapeutici, idromassaggi, percorsi tonificanti in acqua calda e fredda e talassoterapia) ad altri trattamenti di bellezza: massaggi, saune e bagni turchi. Per Beauty Farm, invece, si intende una struttura in cui è possibile fruire di varie cure estetiche quali programmi di dimagrimento, trattamenti di ringiovanimento della pelle, utili al raggiungimento del benessere psicofisico.

Cura di sè

Cerca un articolo per parola chiave, premi poi su cerca.

Effettua il Log-in al sito

 

 



Iscriversi è semplice e veloce e potrai sempre essere aggiornato sulle promozioni e sulle ultime novità.