Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui a fianco, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Piano di rientro

Trova l’attività sportiva che ti fa bene all’umore: a settembre, quando scegli a quale corso iscriverti, meglio puntare su ciò che ti diverte. Dal golf alla danza indiana, dall’idrospinning allo yoga della risata...

Al rientro in città, la scelta dell'attività fisica per i mesi invernali va fatta tenendo conto della propria indole, così da non andare incontro a delusioni e abbandoni a metà del percorso: chi è pigro, si troverà più a suo agio a passeggiare su un bel prato da golf piuttosto che a sudare in un’affollata palestra; l'acquagym attirerà le dinamiche, lo yoga le riflessive; una persona ansiosa trarrà benefici dalla meditazione, mentre un’estroversa non vedrà l’ora di lanciarsi in una nuova danza. 
Abbiamo scelto per le varie personalità una serie di attività che si stanno particolarmente diffondendo soprattutto tra le donne, in grado di soddisfare bisogni fisici, ma anche psicologici.

Vinci la pigrizia sul green
Non più uno sport per soli ricchi: il golf è oggi alla portata di tutti e si sta diffondendo particolarmente tra le donne, perché richiede costanza, precisione e attenzione, caratteristiche molto femminili. Non solo: per i più sedentari, è un ottimo modo per ricominciare a fare attività fisica perché non richiede sforzi intensi, ma lunghe e piacevoli camminate che rimettono dolcemente in movimento glutei, gambe, muscoli addominali e dorsali. Il suo movimento chiave è lo swing, ovvero la torsione e il movimento del busto per colpire e tirare la pallina. Si impara nei golf club con lezioni individuali (da 20 a 40 euro per mezz’ora) o corsi collettivi. Con un esercizio settimanale regolare, in 6-9 mesi si acquisisce un discreto controllo. Anche in città: ideali per i principianti i recenti campi di Milano, all’Ippodromo di San Siro, e di Bologna.

Danza indiana per l’attrice che è in te
I film di Bollywood ce l’hanno fatta conoscere, seppur nella sua versione più “commerciale” e ora è un boom di iscrizioni ai corsi di danza indiana. Questo ballo trascinante e vitale piace perché coniuga gesti delle mani, delle braccia e del corpo a una particolare mimica facciale, in cui l'espressione del volto e soprattutto degli occhi racconta una storia piena di sentimenti ed emozioni. Per questo i corsi di danza indiane possono essere l’ideale per chi ha un’indole estroversa, un po’ teatrale, che mentre danza è in grado di manifestare con espressioni del viso accentuate la sua forte personalità. Le danze classiche indiane sono manifestazioni della mente e dell’anima. Il danzatore si esprime ballando a piedi nudi e introduce “l’altro mondo”, quello ultraterreno abitato da Sìva, Visnu, Krsna e Ganesa, nel mondo terrestre dando loro corpo con movimento e spirito. 

Fit boxe contro paure e timidezza
Calci, pugni, ginocchiate, gomitate in un crescendo musicale: ma non contro un avversario, la vittima è un sacco, non appeso come nella boxe, ma saldamente piantato a terra. 
La fit boxe miscela aerobica e arti marziali ed è un piacevole sfogo per chi, a causa della timidezza, tende a contenersi, a non esporsi, a stare sulle sue. Con questo sport, che si pratica in gruppo, con un sacco ogni due persone, è impossibile trattenersi: dopo i primi timidi colpi, il ritmo di musica e le coreografie dell’insegnante spingono a colpire a più non posso, con benefici per gambe, glutei e addominali e per la linea in generale. Senza contare che le mosse possono costituire una conoscenza di base utile per la difesa personale. Armati di guanti tecnici e dopo un adeguato riscaldamento a base di stretching, comincia il divertimento. 

Thai Chi: più armonia e autostima
Il Tai Chi è una disciplina antichissima, una meditazione dinamica: attraverso movimenti armoniosi che simulano un combattimento, la mente si rilassa, i pensieri “evaporano”, la felicità del corpo regala pace interiore. Gli ipotetici colpi e le parate sono una sorta di stilizzazione di un’arte marziale, una danza armonizzata con il respiro, la cui bellezza e semplicità possono dare grandi soddisfazioni alle persone un po’ impacciate e prive di autostima. Il Tai Chi deve essere insegnato da un maestro esperto che sappia trasmettere non solo la perfezione dei movimenti (essenziale per il corretto fluire dell’energia vitale in tutti i distretti del corpo), ma anche la gioia di vivere e il piacere di questa attività. 

Sirena in bicicletta, senza stress
L’acqua ha su molte persone un effetto benefico: rilassa e fa tornare bambini, quando si moriva dalla voglia di tuffarsi e schizzare ovunque. In piscina, dove il nuoto potenzia soprattutto braccia e gambe, l’alternativa divertente per tonificare anche gambe e glutei è l’acquabike, noto anche come idrospinning. Un’attività ciclistica con bici speciali immerse in acqua che migliora la circolazione del sangue e della linfa, combattendo la cellulite. E fa scaricare l’adrenalina accumulata in una giornata di lavoro, il tutto a ritmo di musica e di piacevoli chiacchierate con le compagne di corso.  

Yoga della Risata: malinconia addio
Quando si è nella morsa di emozioni negative, il respiro diventa irregolare, rapido e ridotto, e quasi ci si dimentica di come si faccia a ridere. Lo Yoga della Risata è un metodo unico per ridere senza motivo, come fanno i bambini. Si chiama così perché combina esercizi di risate con tecniche di respirazione dello yoga. Il metodo si basa sul principio che la nostra mente non è in grado di riconoscere se la risata sia spontanea o indotta, e in entrambi i casi produce quelle sostanze che fanno bene al nostro corpo. Se quindi coltiviamo ogni giorno la risata, nutriamo noi stessi, creando armonia e sciogliendo le tensioni. Lo Yoga della Risata è un’attività di gruppo, che si svolge in cerchio o semicerchio, dove giocano un ruolo fondamentale il contatto visivo tra le persone e la libera espressione della propria giocosità. Praticando con costanza lo Yoga della Risata, migliora il modo con cui si reagisce di fronte agli imprevisti e alle situazioni difficili. Inoltre, respirando meglio, si porta più ossigeno al corpo e alla mente, caricandoli di energie. 

Cura di sè

Cerca un articolo per parola chiave, premi poi su cerca.

Effettua il Log-in al sito

 

 



Iscriversi è semplice e veloce e potrai sempre essere aggiornato sulle promozioni e sulle ultime novità.